Tradizionale non è necessariamente sinonimo di sorpassato. Il progetto europeo TRADITOM, a cui Meridiem Seeds partecipa come unica azienda sementiera, ha esaminato le caratteristiche delle varietà di pomodori tradizionali e ha scoperto come un gusto gradevole, la produzione di massa e l’efficacia in termini di costi possano in realtà andare di pari passo. Il nostro Adelante, pomodoro costoluto, e Ciringuito, pomodoro cherry, nascono proprio da questo progetto. Ecco perché sono vincenti.  

Perché nasce Traditom?

I consumatori non sono soddisfatti dell’evoluzione del gusto dei pomodori. Agroter, in partnership con Toluna, ha analizzato in una ricerca del 2018 i comportamenti di 3 mila responsabili acquisto rappresentativi delle famiglie italiane. Ne è emerso che per il 56% degli intervistati il gusto del pomodoro è peggiorato negli anni. Ciò porta, inevitabilmente, ad un minor acquisto e consumo di pomodoro da mensa.
Verità o semplice suggestione? Non è nostalgia fuori luogo. La verità è che nella corsa ad una produttività sempre più elevata, quello che rischia di rimetterci è proprio il sapore. Sapevate, ad esempio, che la resistenza alle malattie si ottiene incrociando i pomodori con le loro controparti selvatiche difficilmente commestibili, influenzando in tal modo negativamente il sapore?
Dalla necessità di conciliare le esigenze dei produttori con quelle dei consumatori nasce il progetto europeo Traditom.

Che cos’è il progetto Traditom?

TRADITOM è un progetto di ricerca nato nel 2015 e finanziato dall’Unione Europea per la ricerca e la tutela del germoplasma delle varietà di pomodoro locali e il recupero e il miglioramento di queste varietà. TRADITOM coinvolge un team internazionale di esperti di 16 istituzioni partner, provenienti da Germania, Grecia, Spagna, Francia, Israele, Italia, Paesi Bassi e Regno Unito, coordinato dal professor Antonio Granell del Consiglio Superiore di Ricerca Scientifica spagnolo (Consejo Superior de Investigaciones Scientifiche) e vi partecipano anche comunità agricole locali, esperti del mondo dei consumatori.

Il team del progetto ha scoperto in particolare che il sapore ruota essenzialmente intorno a tre zuccheri, tre acidi e quasi 30 composti volatili ed è persino a conoscenza di quali geni e quale versione di quei geni (alleli) sono i più adatti per permettere al frutto di accumulare quantità ottimali di quei composti, per pomodori che hanno un gusto unico.

Quali sono le varietà Meridiem Seeds nate da Traditom?

L’obiettivo di Traditom è stato quello di offrire agli agricoltori nuove versioni delle varietà tradizionalmente coltivate in ogni zona, migliorando però la produttività e la resistenza alle malattie, mantenendo allo stesso tempo tutto il loro sapore e le altre caratteristiche sensoriali tanto apprezzate dal consumatore.
Ecco perché siamo particolarmente orgogliosi delle nostre due varietà oggi in commercio: Adelante e Ciringuito.

pomodoro costoluto adelante

 

Adelante: il marmande del progetto Traditom

Adelante, ibrido indeterminato nella tipologia Marmande, è adatto a raccolte in tutti i periodi dell’anno. La pianta è vigorosa, aperta, sana e con internodi corti. Presenta ottime capacità di allegagione anche in condizioni di stress termico, garantendo, fino agli ultimi palchi, la produzione di frutti dal peso medio di 200-250 grammi.
I frutti presentano un elevato peso specifico e una spalla ben marcata con intense sfumature verde scuro. Ottima la tenuta post raccolta, assenza di ingiallimenti in corrispondenza della spalla (yellow shoulder). La varietà si adatta bene all’impollinazione mediante bombi e garantisce un’elevata tolleranza al marciume apicale e resistenza al catface.
Resistenze: HR: ToMV, Fol 1-2; IR: TYLCV

pomodoro cherry

 

Ciringuito: il cherry del progetto Traditom

Ciringuito è un ibrido indeterminato adatto a trapianti in serra dalla seconda metà di agosto a fine marzo. La pianta è vigorosa, sana, molto versatile per quanto riguarda le condizioni di coltivazione. Il grappolo determinato reca 14-16 bacche uniformi (25-30 g), con ottima contemporaneità di maturazione. Il rachide è verde intenso e rimane tale anche svariati giorni dopo la raccolta, i frutti sono rosso scarlatto e dotati di un’ottima tenuta alle spaccature.
Resistenze:HR: V, Fol 1-2, TMV; IR: TYLCV, N

 

pomodoro nero

 

Novità in arrivo: il pomodoro nero antocianico elisir di giovinezza 


Il pomodoro nero non è una novità moderna. In realtà era una tipologia varietale scomparsa dal mercato ormai 40 anni fa. Oggi, grazie ad una attenzione maggiore per il benessere unito alle moderne tecniche di miglioramento genetico, sta tornando. È solo moda o c’è di più?

l colore scuro dei pomodori è dato dalla presenza di pigmenti chiamati antociani. Queste sostanze coloranti sono naturalmente presenti in molte specie vegetali, con la funzione di proteggere la pianta dalle radiazioni ultraviolette. A seconda della concentrazione, essi riflettono uno spettro luminoso che va dal rosso al nero, con tutte le gradazioni intermedie (es: blu e viola).

La loro azione antiossidante e antiradicalica si è dimostrata efficace anche nel prevenire l’invecchiamento delle cellule umane, diminuendo così il rischio di infiammazioni e modificazioni cancerogene.
Il consumo di alimenti ricchi di antociani è pertanto caldamente consigliato dai medici.
Noi di Meridiem Seeds stiamo lavorando su nuove versioni delle varietà tradizionali di pomodoro, arricchite di questi pigmenti.